Allagamenti? No grazie

Preveniamo un problema sempre piu' frequente

Allagamenti? No grazie

descrizione articolo

Consigli pratici per evitare i danni da temporali intensi, con un occhio al risparmio ambientale.
Una premessa indispensabile è che nei primi momenti di un'emergenza possiamo fare affidamento solo su di noi e sulle azioni di prevenzione attuate in precedenza, cioè su quanto abbiamo "investito" e che possiamo spendere al momento del bisogno.

PULIZIA DELLE GRONDAIE

Particolare attenzione deve essere rivolta ai canali di gronda che possono essere intasati da nidi o foglie e quindi non far scendere l'acqua attraverso i tubi di gronda. E' quindi necessario controllare frequentemente le grondaie.

MANTI DI COPERTURA

Particolare attenzione deve essere rivolta alle coperture piane ed ai terrazzi che in caso di non perfetta tenuta all'acqua od occlusione dei tubi di gronda funzionano come vasca di raccolta allagando le stanze sottostanti. Il vento forte può inoltre staccare guaine delle coperture non perfettamente aderenti o deterioratei. Una periodica manutenzione delle coperture è sufficiente nella maggior parte dei casi ad evitare problemi.

RACCOLTA DELL'ACQUA

Se l'edificio si trova alla stessa quota della strada o del cortile, o a quota inferiore e l'acqua raccolta da questi in caso di forti precipitazioni non viene smaltita, può entrare nell'edificio attraverso porte o portoni. Questo può essere evitato attraverso la realizzazione di griglie di raccolta collegate, attraverso un impianto di pompaggio adeguato, alla rete fognaria. Anche in questo caso marciapiedi più alti dell'area cortiliva o soglie possono evitare o ridurre il problema.

CHIUSURA DEI POSSIBILI ACCESSI

Nel caso in cui la differenza di quota fra il piano stradale e le aree cortilive superi i 50 cm, è vivamente consigliato predisporre un impianto di pompaggio oppure destinare, se possibile, i locali a piano terra a servizi (garage, cantine, depositi, ecc.) disponendo arredi ed attrezzature ad un livello non raggiungibile dall'acqua.

POMPAGGIO DELL'ACQUA

Le acque che comunque vi giungono attraverso cunicoli perimetrali, rampe d'accesso o altro possono essere estratte solo attraverso il pompaggio. Ogni interrato deve quindi essere provvisto di pompe. Le pompe devono essere adatte a liquidi torbidi, avere portata adeguata alla massima quantità d'acqua prevista in caso d'allagamento ed avere sempre una valvola di non ritorno per evitare che, in caso di guasto, entri acqua attraverso il tubo di mandata. Per garantire il funzionamento in qualunque condizione ogni pompa ne deve avere una di riserva ed entrambe essere servite da un gruppo di soccorso antiallagamento. Le pompe ed il gruppo elettrogeno devono essere fatti funzionare periodicamente, anche se non vi è la necessità di pompare acqua all'esterno, perché lunghi periodi d'inattività possono provocarne il blocco al momento del bisogno. Anche la manutenzione deve essere fatta regolarmente. Quando possibile è utile predisporre un recapito alternativo a quello in fognatura, nel caso che questa non possa ricevere l'acqua pompata dall'interrato. Questo può essere un'area verde, un fosso stradale o cisterne di gasolio non più utilizzate. E' opportuno, nei casi di maggior rischio d'allagamento, costruire vasche di prima pioggia, cioè vasche di accumulo per la raccolta dell'acqua piovana che cade durante gli eventi piovosi intensi, quando la fognatura non sempre può garantire un tiraggio sufficiente.

SISTEMI  DI SOCCORSO ANTIALLAGAMENTO

Evita i danni causati dagli allagamenti per la mancanza di energia elettrica, con conseguente salvaguardia di tutti quei beni che in caso di allagamento verrebbero rovinati: impianti elettrici e di riscaldamento, arredamenti, automobili ed elettrodomestici in genere. I sistemi di soccorso antiallagamento a batteria (o con gruppo elelttrogeno) sono indicati in installazioni civili e industriali dove sia necessario alimentare un'elettropompa e la mancanza temporanea dell'energia elettrica possa causare l'allagamento di locali situati al di sotto della rete idrico - fognaria con conseguenti danni a cose e persone.




Informativa estesa sull'uso dei cookies